Guida allo sfigmomanometro: da polso o da braccio?

Ci sono diversi modi per usare questo strumento, come spiegato nella nostra guida allo sfigmomanometro. Ad esempio, puoi misurare la tua pressione attraverso il battito rilevabile dal polso o dal braccio. Continua a leggere per scoprire maggiori dettagli.

Polso o braccio

Ovviamente, il progresso scientifico continua ad avanzare giorno dopo giorno, ed anche i modelli di sfigmomanometro disponibili sul commercio diventano a mano a mano più sofisticati. Non stupisce quindi che ci siano adesso diverse alternative, come ad esempio i modelli di bracci e quelli da polso.

Non esiste però un modello migliore fra tutti: entrambi risultano perfettamente in linea con quanto richiesto dalle associazioni mediche nazionali, ed offrono quindi una lettura corretta del tuo battito cardiaco. La scelta va quindi fatta in base, come sempre alle tue esigenze.

Ciò che accomuna entrambi i modelli di sfigmomanometro, comunque, è la necessità di restare immobili durante la misurazione. Anche il minimo movimento potrebbe alterare i valori! Per questo motivo potrebbe essere utile acquistare un modello dotato di sensori e rilevatori di movimento, che ti aiuterà quindi a capire quando la misurazione rischia di risultare incompleta o non precisa.

Il misuratore da braccio include un bracciale che va posizionato accuratamente. Per molti consumatori, quindi, questo elemento potrebbe risultare un po’ più complicato. Bastano pochi centimetri di errore per ottenere dei risultati poco precisi!

Se vuoi quindi uno sfigmomanometro preciso, è consigliabile impiegarne uno da polso. Esso è inoltre molto utile per chi ha poca manualità con questo strumento, ma anche per chi ha un polso dalla circonferenza troppo larga o troppo stretta.

Con questa nuova guida allo sfigmomanometro dovresti aver imparato tutti i segreti sulla rilevazione del battito, sia esso da polso o da braccio. Adesso, non ti resta che provare usando uno dei tanti modelli di sfigmomanometro disponibili sul mercato.